Archive

Posts Tagged ‘frequenza’

Apr
15

Mi piacerebbe condividere i grandi vantaggi che un’applicazione distribuita su web vanta sulle concorrenti stand-alone. L’argomento è assai vasto e temo che un’unica pubblicazione sul blog risulterebbe estremamente lunga. Preferisco distribuire una “pillola alla volta”, cercado di stimolare riflessioni costruttive su questo macro argomento pubblicandone uno spicchio dopo l’altro.

L’argomento dal qualwebe ho deciso di iniziare tratta di statistiche, modalità d’utilizzo e metodi per migliorare il servizio fornito.

Non mi dilungherò in tecnicismi, per comprendere i concetti illustrati sarà sufficiente immaginare una stessa applicazione fornita a due aziende, in due versioni:

- La prima è una versione stand alone. Ogni utente la utilizza sul proprio PC.
- La seconda è una applicazione distribuita su web.

Entrambe le aziende sono soddisfatte del software che utilizzano, ma se nel primo caso l’unica prova a favore di ciò è la loro testimonianza, nel secondo caso ci si può sbizzarrire. Sarebbe possibile, ad esempio, predisporre dei meccanismi in grado di fornire dati sulla frequenza di utilizzo, ad esempio il numero degli accessi giornalieri e la loro durata. Potrebbe essere costruttivo collegare tipologia di utente e orari di utilizzo più frequente.. e la fantasia si spreca.

Una applicazione web può inoltre essere utilizzata come strumento di comunicazione. E’ assai frequente la presenza di messaggi personali nelle home page di web applications. L’utilità è multipla, e va dalle comunicazioni globali, uguali per ogni utente, a quelle mirate. Si potrebbe, ad esempio, utilizzare il canale per aggiornare l’utente sulle proprie statistiche di utilizzo (mantenendo attivo il contatto diretto tra utente e fornitore) e magari confrontarle con i risultati aziendali, spronando così l’utente verso un costruttivo approfondimento nelle tematiche.

Dal punto di vista strategico, sarebbe importante affiancare l’utente nell’analisi di questi dati forniti, assumendo un ruolo di “personal trainer” con mansioni di supporto sia tecnico che operativo. Da una simile situazione, il gradimento verso il servizio fornito non può che aumentare.

Si potrebbe generalizzare questo spunto con la seguente sequenza:

Monitorare -> Analizzare -> Suggerire

Come sarebbe possibile affrontare una simile tematica con un’applicazione client installata sul pc del cliente e abbandonata a se stessa?

Riflettete..

, , , , ,