Archive

Posts Tagged ‘statistiche’

Dec
31

A fine anno si tirano le somme, viene quasi spontaneo riflettere sugli ultimi 12 mesi e inventarsi qualche buon proposito per i prossimi 12.
Mi piace includere in questa abitudine anche il Blog di MAS Consulting, partendo da una rapidissima analisi degli ultimi tempi.spumante[1]

Coincidenza vuole che il Blog nacque proprio nel mese di dicembre, quindi immagino questa analisi ancor più significativa.

Ma partiamo con un po’ di numeri..

Per prima cosa, contiamo gli articoli! Nel 2012 sono stati pubblicati 25 articoli, contro i 29 dell’anno precedente. Direi che la costanza di pubblicazione è un ottimo indice, bello riscontrare questo entusiasmo!

Se poi vogliamo suddividerli in una macro classificazione, il 25% circa delle pubblicazioni sono di carattere personale, più o meno calate in paragoni lavorativi e riflessioni assai ben inserite nel contesto MAS Consulting.

La restante percentuale si divide in parti uguali tra post di carattere tecnico e aziendale. Un’idea di massima la si può avere leggendo i tag utilizzato, ordinati per frequenza di utilizzo:

News
MAS Consulting
web
powersim
New Release
Modelli di Simulazione
Statistiche
Architettura
Blog
Business Simulation
Programmazione
Ambiente di lavoro
Google Docs
MAS Consulting

News, MAS Consulting, web, powersim, New Release, Modelli di Simulazione, Statistiche, Architettura, Blog, Business Simulation, Programmazione.

Nel 2012, giusto citare due tag abbastanza utilizzati: Ambiente di lavoro e Google Docs….

Detto questo, vi auguro un Buon 2013!

,

Apr
15

Mi piacerebbe condividere i grandi vantaggi che un’applicazione distribuita su web vanta sulle concorrenti stand-alone. L’argomento è assai vasto e temo che un’unica pubblicazione sul blog risulterebbe estremamente lunga. Preferisco distribuire una “pillola alla volta”, cercado di stimolare riflessioni costruttive su questo macro argomento pubblicandone uno spicchio dopo l’altro.

L’argomento dal qualwebe ho deciso di iniziare tratta di statistiche, modalità d’utilizzo e metodi per migliorare il servizio fornito.

Non mi dilungherò in tecnicismi, per comprendere i concetti illustrati sarà sufficiente immaginare una stessa applicazione fornita a due aziende, in due versioni:

- La prima è una versione stand alone. Ogni utente la utilizza sul proprio PC.
- La seconda è una applicazione distribuita su web.

Entrambe le aziende sono soddisfatte del software che utilizzano, ma se nel primo caso l’unica prova a favore di ciò è la loro testimonianza, nel secondo caso ci si può sbizzarrire. Sarebbe possibile, ad esempio, predisporre dei meccanismi in grado di fornire dati sulla frequenza di utilizzo, ad esempio il numero degli accessi giornalieri e la loro durata. Potrebbe essere costruttivo collegare tipologia di utente e orari di utilizzo più frequente.. e la fantasia si spreca.

Una applicazione web può inoltre essere utilizzata come strumento di comunicazione. E’ assai frequente la presenza di messaggi personali nelle home page di web applications. L’utilità è multipla, e va dalle comunicazioni globali, uguali per ogni utente, a quelle mirate. Si potrebbe, ad esempio, utilizzare il canale per aggiornare l’utente sulle proprie statistiche di utilizzo (mantenendo attivo il contatto diretto tra utente e fornitore) e magari confrontarle con i risultati aziendali, spronando così l’utente verso un costruttivo approfondimento nelle tematiche.

Dal punto di vista strategico, sarebbe importante affiancare l’utente nell’analisi di questi dati forniti, assumendo un ruolo di “personal trainer” con mansioni di supporto sia tecnico che operativo. Da una simile situazione, il gradimento verso il servizio fornito non può che aumentare.

Si potrebbe generalizzare questo spunto con la seguente sequenza:

Monitorare -> Analizzare -> Suggerire

Come sarebbe possibile affrontare una simile tematica con un’applicazione client installata sul pc del cliente e abbandonata a se stessa?

Riflettete..

, , , , ,

Mar
09

*L’importanza dell’analisi dati*

Viviamo di dati. Ogni realtà aziendale è sempre più immersa nella consultazione di informazioni, e l’importanza delle analisi su fattori interni ed esterni è elevatissima a prescindere dall’ambito. Sia per statistiche commerciali, ricettività del territorio, criteri di soddisfazione cliente, test attitudinali sulle risorse interne… l’analisi rappresenta il primo grande strumento strategico.

*Cosa viene prima? Un passoisto indietro*

Cosa viene prima dell’analisi? Facendo un passo indetro, ci si rende conto che lo step immediatamente precedente è quello della raccolta dati. Questa attività non è affatto da trascurare. Tutt’altro. Una raccolta dati mal pianificata potrebbe comportare il raggiungimento di risultati poco significativi, e magari con un ritardo tale da rendere l’esito della statistica già obsoleto.
MAS Consulting ha concepito uno strumento per la raccolta dati on-line, le cui peculiarità esaltano l’efficacia e la celerità delle operazioni sopra descritte.

*Strumento di raccolta dati online*

Lo strumento è QUESTO, acronimo di Questionario Universale, Efficiente, Scalabile, Totalmente On-line.
Completamente personalizzabile, QUESTO unisce la semplicità di compilazione alla grande versatilità delle successive analisi. I sistemi di controllo garantiscono inoltre la correttezza del dato, guidando l’utente alla lineare compilazione elimininando la possibilità di errore.
*Peculiarità*

Ecco alcune peculiarità del servizio:

- gestione di entità gerarchizzate
Grazie a QUESTO, ad esempio, un capo reparto potrà sia rispondere a domande relative alla sua mansione, sia rispondere a domande su ogni singolo impiegato del suo reparto.
- diverse tipologie di domande gestite
Ecco una panoramica dei “Tipi di dato” gestiti: interi, float, percentuali, testi, scelte multiple con select e radio, checkbox, vero falso. E se non bastasse..
- Possibilità di personalizzare i tipi di risposte
Esempio, anno di nascita compreso tra 1900 e 2010. Ne consegue una TOTALE COERENZA dei dati inseriti, valorizzando l’efficacia delle operazioni.
- Possibilità di attribuire dei pesi anche alle domande non numeriche
Sarà così possibile calcolare medie pesate.
- Dimensionamento delle domande
L’analisi facilitata dal raggruppamento delle domande in macrocategire e ambiti.
- Possibilità di integrare le domande on line con materiale personalizzato
Ad esempio fogli excel i cui download e upload saranno completamente automatizzati e parametrizzati per l’utente in questione.
- Sistema di statistiche in corso di compilazione
L’erogatore del questionario potrà consultare real-time l’avanzamento dei singoli utenti, divisi per macro categoria, ambito, tipo domanda.
- Sistemi di controllo personalizzabili
Quando i controlli coinvolgono più campi, è possibile personalizzare lo strumento affinchè la situazione sia correttamente gestita. Ad esempio, quattro campi percentuali il cui totale deve essere 100.
- Help di primo livello automatizzato
Ogni domanda può essere dotata di una guida personalizzata, per approfondire gli argomenti e rispondere ai quesiti più comuni. Solo le domande più specifiche necessiteranno, di conseguenza, un intervento umano.

Grazie per l’attenzione, e ricordate…
che QUESTO è solo l’inizio!

, , , ,